Albo dei Periti o sezione B dell’albo degli Ingegneri?

2 08 2008

Come promesso oggi parleremo dalle differenze pratiche che si hanno iscrivendosi ai due diversi albi in oggetto, cioè quello di Ingegnere Junior (cioè Ingegneri sezione B) o quello di Perito Industriale.

Ai sensi del DPR 328/01 un titolare di DU (Diplomato Universitario) o laurea L (Laureato) potrebbe indifferentemente confluire i vari albi a seconda della corrispondenza del titolo posseduto. Un DU o una laurea triennale L in ingegneria consentirebbe l’accesso sia all’albo dei periti industriali che a quello degli ingegneri -sezione B.

In effetti la scelta non è affatto indifferente, in quanto con l’iscrizione all’ordine degli ingegneri -sezione B- il soggetto non potrebbe eseguire attività tecniche intellettuali complete se non sotto la direttiva di un ingegnere senior -sezione A, pur potendo utilizzare il titolo di ingegnere junior.

L’iscrizione all’albo dei periti industriali con la laurea L o con il diploma universitario DU corrispondente alle apposite tabelle del DPR 328/01, invece, consente a pieno titolo di svolgere le attività tecniche intellettuali dei periti industriali nella loro completezza. Ovviamente, in quest’ultimo caso, il titolo professionale utilizzato sarà quello della professione esercitata, ovvero: perito industriale laureato.

Annunci

Azioni

Information

9 responses

5 08 2008
Cristina

Beh quindi meglio perito industriale? Non ho ancora capito esattamente che vuoi fare, ma qualsiasi cosa tu deciderai io saro’ al tuo finco pronta a sostenerti! Ti amo!

6 08 2008
c1rc0

Direi che la via migliore sia quella di iscriversi all’albo dei periti, almeno avendo una laurea triennale in ingegneria, in questo modo si avranno le stesse abilità di un perito (quindi come già detto superiori ad un Ingegnere Junior iscritto alla sez.B) ma il titolo di Perito Laureato.

28 03 2009
MAURO MAZZI

Non è vero che l’Ingegnere iunior può lavorare solo sotto un ingegnere sezione A

14 07 2010
david-79

ti ho risposto sotto

14 07 2010
david-79

Vi spiego come funziona che mi sono informato bene al suo tempo all’ordine.

L’ing. quinquennale vecchio ordinamento può firmare progetti sia del suo campo specifico che di altri campi (un vecchio ing. elettronico può anche firmare progetti edili ad esempio anche se per me la cosa non ha senso). Può occuparsi di progetti in cui è prefisto il calcolo infinitesimale e può coordinare un team di altri ing. del suo stesso tipo, triennali e anche diplomati. Può fare tutto insomma.

L’ing quinquennale 3+2 può fare quello che fa l’ing. vecchio ordinamento ma solo ed esclusivamente nel suo campo. Quindi un ing. elettronico può occuparsi e mettere firma solo ed esclusivamente per progetti del suo campo e non di altri campi. PUò occuparsi ovviamente di calcolo infinitesimale o gestire un team ma solo nel suo campo.

L’ing. triennale iscritto all’abo degli ingegneri sezione B può progettare utilizzando il calcolo infinitesimale (perchè laureato), può firmare progetti in proprio del suo campo specifico ma ha una limitazione nella grandezza dei progetti (ad esempio nell’edile ha un limite nei metri cubi degli stabili eccetera) ma tuttavia abbastanza ampi per pter lavorare abastanza tranquillamente (specie quelli informatici ed elettronici). Non può invece essere messo a capo di un team di altri ing ne del suo stesso calibro (e ovviamente neanche superiori) ne può gestire legalmente un team di periti (se lo fa è passibile di denuncia per zbuso di professione).

L’ing. triennale iscritto al colleggio dei periti può progettare utilizzando il calcolo infinitesimale (perchè laureato), può firmare progetti in proprio ma ha una limitazione nella grandezza dei progetti (ma questo varia molto rispetto a quelli iscritti nella sezione B degli ingegneri ed alcune volte sono più stretti altre volte più larghi in base alla disciplina). Tuttavia, rispetto agli iscritti alla sezione B degli ingegneri ha la facoltà di poter stare a capo di un team di periti e di ingegneri anche quinquennali (motivo per cui in genere conviene questa seconda strada specie se si vuole fare libera professione) tuttavia si perde il diritto a farsi chiamare ingegnere ma solo dottore.

Gli iscritti al colleggio dei periti senza laurea, cioè i diplomati all’itis possono fare tutto ciò che fanno i laureati iscritti al colleggio dei periti ad esclusione del calcolo infinitesimale. Cioè possono progettare emettere firma in progetti dell’ampiezza di quelli dei triennali ove però non è previsto l’utilizzo del calcolo infinitesimale, possono stare a capo di un team di altri periti o ingegneri in quanto nel titolo cè scritto capotecnico ma ovviamente non possono essere chiamati ne ingegneri ne tanto meno dottori.

quelli del professionale (e in informatica i cosidetti ragionieri programmatori) possono lavorare in proprio solo su progetti dove non occorre firma oppure lavorare in un team coordinato da un perito o da un ing. quinquennale ma ovviamente non possono firmare se non in campi molto ristretti.

1 10 2012
tommaso

Ciao david-79,
dato che sono passati più di 2 anni non mi aspetto una risposta, ma è l’unico modo che ho per chiederti informazioni aggiuntive riguardo il tuo post. In particolare, dato che fra qualche giorno conseguirò la laurea in ingegneria informatica, vorrei informarmi meglio su quelle che sono le strade che posso percorrere per valutarne benefici/svantaggi.
Mi chiedevo quindi come avessi fatto tu (permettimi la formalità) ad ottenere informazioni specifiche come quelle riportate nel post. Hai contattato l’ordine per via telematica o ti sei recato in una sede in particolare?
Grazie in anticipo.

20 06 2013
el chat

Hey! This is kind of off topic but I need some advice from
an established blog. Is it very difficult to set
up your own blog? I’m not very techincal but I can figure things out pretty quick. I’m
thinking about creating my own but I’m not sure where to start. Do you have any ideas or suggestions? Appreciate it

23 08 2013
xyz

Quella degli albi professionali in italia rappresenta il non plus ultra della bigotteneria. Lo capisce anche uno scemo che le competenze del laurato triennale sono superiori a quelle di un perito e che di conseguenza dovrebbe poter fare tutto quello che fa il perito piu’ qualcosa in piu’ e non in meno…..italia terra della mafia

29 06 2017
Fabio

Non è necessariamente vero. Il laureato triennale approfondisce il calcolo infinitesimale rispetto al perito industriale che comunque ha studiato al 5^ anno. Per il resto gli esami di elettronica ed elettrotecnica, fisica 2, misure elettriche e laboratorio portano gli stessi concetti che si studiano negli ITIS di un certo livello, è chiaro se ti diplomi con il 70 è inutile fare paragoni difficilmente ti abiliterai. Tali concetti approfonditi dagli ingegneri nel campo della progettazione che è completamente normata dagli enti come il CEI per gli elettrotecnici, non comportano alcun tipo di vantaggio. L’ingegnere ha nozioni teoriche approfondite che però dovrebbero essergli utili sono per la rapidità di entrata nel mercato del lavoro, ma non per ritenersi più competente nel settore di appartenenza dove è necessario apporre la firma. Un perito elettrotecnico o un ingegnere triennale elettrico e in molti contesti anche il magistrale, hanno le stesse competenze nella progettazione industriale in quanto sono obbligati ad usare il tabellato normativo della CEI, l’unica limitazione attuale è l’uso del calcolo infinitesimale, ma per poche eccezioni come ad esempio per la messa a terra dei pali della luce stradale, che però credo ben presto anche quella sarà normata ed armonizzata per cui anche i periti potranno firmare tali progetti. Il titolo accademico non ti serve se vuoi progettare e quindi firmare impianti industriali o civili! Se sei capace abilitato e ti aggiorni, ti basta essere un perito per lavorare bene. Poi dovete considerare che il triennale è una figura nata per allinearsi al bisogno europeo, ma il perito prima di avere pieno titolo doveva aver fatto praticantato di almeno 2 anni, il laureato invece può abilitarsi direttamente senza fare praticantato o comunque per un periodo massimo di 6 mesi, dipende dall’albo a cuoi vuoi appartenere. La questione della dicitura capotecnico è giusta solo per giustificare l’abuso, infatti un ingegnere può fare il ricercatore in strutture pubbliche o insegnare all’università, il perito può al più fare l’insegnate tecnico pratico all’ITIS o il tecnico di laboratorio, ma dal punto di vista progettuale e quindi professionale dove è necessario apporre la firma i due titoli sono comparabili, perché devono attenersi a regole normate da enti europei, quindi è un abuso dire io sono ingegnere tu non capisci niente e quindi devi sottostare sempre a me in un ufficio di progettazione. Parlo da perito elettrotecnico abilitato e da laureando in ingegneria elettronica, l’unica soddisfazione che mi ha dato l’università è il surplus del calcolo infinitesimale e capire perché esistono certe formule, ma tanto nessun ingegnere calcolerà il segnale RMS della tensione oppure il moto armonico con gli integrali, ma userà sempre il calcolo normalizzato, un altro esempio quale ingegnere preferisce usare l’integrale per calcolare il volume di una sfera? Io credo nessuno perché nella pratica è già stato tutto affrontato e normalizzato. Per di più il calcolo infinitesimale da limitazioni solo per la firma degli impianti, ma non per le macchine o apparecchiature, cioè se progettassi una scheda elettronica posso usare qualunque strumento matematico, perché non va applicato alcun timbro dell’albo, ma solo l’autocertificazione CE. Se fosse diverso un non laureato si vedrebbe bloccato il diritto concettuale e creativo oltre ad un eventuale brevetto e questo è un assurdo ed un abuso.
Io credo che noi italiani più degli altri abbiamo dentro un ceppo di razzismo che ci porta a discriminare sempre l’altro perché tendiamo a non rispettare le persone specialmente nel mondo del lavoro. Dobbiamo primeggiare altrimenti non siamo soddisfatti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: